0229013496 corsi@espm.eu

Chi sono i #SocialMediaManager e i #CommunityManager? ESPM ve lo spiega

Ogni manager che si rispetti deve avere uno spazio sui social network. Per ampliare la sua rete di contatti, per far conoscere il suo lavoro e per essere aggiornato sulle novità presenti sul web. Da Facebook, Twitter, Google+ e soprattutto LinkedIn, ogni manager può carpire informazioni preziose per migliorare se stesso e la sua squadra. 
Ma c’è un manager strettamente legato al mondo social, o meglio, ce ne sono due: il Community Manager e il Social Media Manager. Sapete chi sono? 
Il Community Manager è colui che gestisce la vita quotidiana della community, moderando il dialogo e favorendo una conversazione positiva intorno al brand.
Per divenire Community Manager non basta essere sempre aperti alle novità e stare sul pezzo. Si deve avere un diretto contatto con il pubblico in rete. Fondamentale è aver pazienza ed empatia, per rispondere alle esigenze di ogni utente presente nella rete.
Il Community Manager deve sapersi mettere nei panni degli altri e deve essere predisposto all’ascolto. Deve inoltre essere assertivo, per riuscire a rendere positivo il confronto con l’utenza e salvaguardare il lavoro da possibili crisi.
Il Social Media Manager è il professionista che ha una sensibilità e visione più globale della struttura social di un’azienda. 
Il Social Media Manager invece è colui che elabora la strategia comunicativa sui social network mentre il Community Manager è colui che la mette in pratica gestendo operativamente i profili aziendali.
Per diventare Social Media Manager non c’è una ricetta perfetta. Occorre tanto studio ed esperienze pratiche. In attesa che il sistema universitario italiano concepisca nuovi corsi di laurea per le professioni digitali, studiare Marketing è forse la strada più appropriata. 
Social Media Manger e Community Manager non sono solo “quelli che stanno su Facebook”, ma leader che promuovono tramite il web il lavoro e la loro azienda. Ogni impresa che vuole essere al passo col mercato non può fare a meno di queste due figure.