0229013496 corsi@espm.eu

Come comunicare al meglio in un ambiente di lavoro?

Come comunicare al meglio in un ambiente di lavoro?
Troppo spesso tra uffici, reparti o piani di un’unica azienda non c’è dialogo o le informazioni si perdono. Anche tra due colleghi che lavorano fianco a fianco spesso il messaggio può perdersi. L’azienda non dev’essere un telefono senza fili.

Un punto essenziale per una buona comunicazione in azienda è la regola del ping pong, dove al parlare di uno deve seguire sempre la parola dell’altro collega.La comunicazione è uno scambio bidirezionale e come tale va gestito con intelligenza ed equilibrio.

Secondo questa semplice linea guida nessuno dei partecipanti alla conversazione dovrebbe detenere più del 60% della “voce in capitolo”, lasciando agli altri lo stesso spazio di espressione.

La comunicazione va vista come un semaforo: al verde seguono sempre l’arancio e il rosso.
Un buon dialogo tra colleghi vede il ping pong durare 30 secondi per parte. Gli analisti valutano il tempo inferiore ai 30 secondi come il verde.
Dopo i 30 secondi l’interlocutore inizia a perdere il focus della conversazione e ad allentare le redini dell’attenzione: il tempo a vostra disposizione è agli sgoccioli, è il momento di sbrigarsi e chiudere il concetto per ripassare la palla entro altri ulteriori 30 secondi. Qui siamo nel periodo arancione.
Dopo i 60 secondi l’attenzione cala del tutto e si arriva quindi al rosso. Arrivati a questo punto è meglio fare una domanda, o smettere di parlare, per lasciare spazio agli altri.

In un dialogo di lavoro è importante attendere un secondo prima di iniziare a parlare. La giusta pausa non solo può aiutare a formulare una risposta migliore, ma è di per sé un segnale di grande intelligenza.

Infine ci sono tre regole per ottenere un’efficace comunicazione lavorativa.
1) Comunicare non è trasmettere un messaggio ma ottenere una reazione.
2) Conta cosa, come e in quale contesto diciamo le cose.
3) Si deve essere empatici, cioè aver la capacità di comprendere lo stato d’animo e i sentimenti dell’altro.

Siete d’accordo con quanto scritto? Sarebbe interessante sentire altre opinioni in proposito.